Castello Orsini-Cesi di Sant'Angelo Romano. Dall'alto del borgo di Santangelo Romano a 33 KM da Roma il castello Orsini-Cesi domina l'agro romano. Dai suoi spalti merlati lo sguardo spazia a 360°, sulla sabina romana, i monti cornicolani, i castelli, Tivoli, Roma e fino al mare. Un angolo di cultura, bellezza e nobiltà aperto al pubblico per eventi e manifestazioni. Banchetti, feste private ed aziendali, mostre, meetings, convegni ecc.., Cerimonie nunziali, set fotografico per servizi e per film.
height="40">
Home Castello Visite &
Museo
Meetings, feste
private o aziendali
Cerimonie Res Gestae
Eventi
Location
Set
Prodotti &
Servizi
Contatti

- Panorama
- Sant'Angelo R.no

Per arrivare al castello
Eventi

Apertura di Pasqua

Open Day wedding & eventi

Apertura periodo pasquale

Mailing List

Sono interessato a: Iscrivimi
Cancellami
 

Sposarsi al castello


Il matrimonio di rito civile (guida)

Sposarsi al castello

Prenotare il castello

Voglio farmi sposare da....

Sala interna o matrimonio all'aperto

Svolgimento della cerimonia

Addobbi

Altri servizi

Tempo a disposizione

Poesie per la cerimonia

Vademecum per la cerimonia


Il Matrimonio civile

Gli articoli da 93 a 104 del Codice Civile sono stati recentemente aggiornati dagli articoli da 50 a 62 del Nuovo Ordinamento di Stato Civile (D.P.R. 396/2000).
La richiesta di Pubblicazioni è presentata all’Ufficiale di Stato Civile di uno dei due Comuni di residenza dei futuri coniugi. I legittimati a presentare tale richiesta sono i nubendi o un’altra persona munita di procura speciale (non è più richiesta la presenza di un genitore e dei testimoni).
I nubendi dovranno dichiarare:
• Nome, cognome, luogo e data di nascita (per contrarre matrimonio occorre essere maggiorenni. Chi ha compiuto i 16 anni e non ancora i 18, può sposarsi quando ricorrano “gravi motivi” e previo decreto dell’autorità giudiziaria)
• Residenza e Cittadinanza • Libertà di stato, cioè di non essere vincolati da precedente matrimonio (es. divorziati, vedovi, nullità del precedente matrimonio) ex art. 86 c.c.
• (solo per la donna) Che il precedente matrimonio è sciolto da almeno 300 giorni ex art. 89 c.c., cd. divieto temporaneo di nuove nozze
• Assenza di impedimenti di parentela, affinità, adozione o affiliazione ex art. 87 c.c.
• Assenza di una dichiarazione di interdizione per infermità di mente ex art. 85 c.c.
• Di non avere una condanna per omicidio consumato o tentato sul coniuge dell’altro sposo ex art. 88 c.c.

Fatte queste dichiarazioni, l’Ufficiale di Stato Civile redige il processo verbale (che ha sostituito il vecchio registro delle Pubblicazioni), lo sottoscrive insieme ai due futuri sposi e verifica quanto dichiarato acquisendo i documenti d’ufficio.
Verificata la veridicità delle dichiarazioni, l’Ufficiale espone l’Atto di Pubblicazione per 8 giorni interi trascorsi i quali rilascia il certificato di avvenuta pubblicazione o il nulla osta al matrimonio da portare al Parroco nel caso di rito concordatario, o ancora l’autorizzazione in caso di matrimonio acattolico.
Quando uno degli sposi è residente in un altro Comune, l’Ufficiale di Stato Civile si preoccuperà di richiedere la pubblicazione anche in detto Comune, che affiggerà le pubblicazioni sempre per 8 giorni interi. Al nono giorno invierà la comunicazione di avvenuta esecuzione delle pubblicazioni all’altro Comune.
Se si è scelta la strada del solo rito civile, il matrimonio potrà essere celebrato dopo 4 giorni dall’avvenuta ultima pubblicazione, altrimenti occorrerà aspettare anche i tempi per l’affissione delle pubblicazioni religiose.
Per motivi di necessità o convenienza, il matrimonio civile può essere celebrato anche in un Comune diverso da quello in cui sono state richieste le pubblicazioni. In questo caso, analogamente a quanto già detto, l’Ufficiale di Stato Civile trasmetterà la documentazione agli uffici del Comune scelto per il rito.

Sposarsi al castello

La cerimonia civile viene in genere considerata, a torto, una cerimonia di tono minore. In realtà il rito civile costituisce il vero matrimonio.
La cerimonia di per se è costituita dalla recitazione delle formule matrimoniali e la firma di sposi e testimoni. Al castello Orsini-Cesi diamo la possibilità di arricchire il rito civile sia dal punto di vista scenografico che di contenuti.
Diamo infatti la possibilità di allestire e arredare gli ambienti (la sala Cesi o gli spalti) secondo il gusto degli sposi. Di utilizzare la musica prima durante e dopo il rito. Di permettere la citazione di auguri, poesie, discorsi durante la cerimonia. Fino ad arrivare a permettere ad un celebrante scelto dagli sposi di occuparsi di tutta la cerimonia.

Prenotare il castello

Per sposarsi, con cerimonia di rito civile, presso il castello Orsini-Cesi è semplice.
1- In primo luogo occorre il NULLA OSTA da parte del comune di provenienza (quello nel quale sono state fatte le pubblicazioni).
2 -Prenotare il giorno dell'evento chiamando la Direzione del Castello .
3 -Consegnare il Nulla Osta al Comune di Sant'Angelo Romano.

Voglio farmi sposare da...

La cerimonia di rito civile può essere celebrata da qualsiasi cittadino, maggiorenne, avente i requisiti per l'eleggibilità a consigliere comunale, appositamente delegato dal sindaco. In pratica è possibile farsi sposare da un amico, un parente, una persona che vogliamo sia più che testimone alle nostre nozze, ma celebrante, e che pronunci la fatidica frase vuoi tu .... ecc.. ecc.. Per fare questo basta richiedere al Sindaco del comune di S.Angelo Romano di delegare alla celebrazione del rito la persona da voi scelta.

Sala interna e matrimonio all'aperto

La SALA CESI è una sala di circa 50 mq, con soffitto affrescato (restaurato recentemente) che può contenere circa 40 persone sedute o un centinaio in piedi. In alternativa possiamo offrire lo scenario della terrazza del castello, disposta ad anfiteatro e contorniata dallo stupendo panorama, per un matrimonio all'aperto (cosiddetto all'americana) con la possibilità anche di 300 posti. Gli invitati possono attendere gli sposi per il rituale del riso nel cortile e all'uscita del portone principale del Castello.

Svolgimento della cerimonia

La cerimonia di rito civile, presidiata dal Sindaco o da un suo delegato (che può essere un normale cittadino), ha durata abbastanza breve in quanto consiste nella recitazione di alcuni articoli del Codice Civile e nella firma di sposi e testimoni. Tale procedura può essere intervallata con musiche e interventi (lettura di bani, lettere o poesie) .

Addobbi

Per quanto attiene gli addobbi è facoltà degli sposi utilizzare i servizi di un fiorista di loro scelta. Il Castello dispone comunque di fioristi in loco convenzionati.

Personalizzazione della cerimonia

E' possibile animare e personalizzare la cerimonia con musica anche dal vivo, facendo recitare delle poesie, con la liberazione di colombe, di piccole mongolfiere e altro. Possono inoltre essere organizzati angoli con apertitivi. Se avete delle richieste particolari, parlatene con noi, cercheremo di soddisfarle.

Tempo a disposizione

E' nostro obbiettivo dare la possibilità agli sposi di organizzare con tranquilità e serenità la cerimonia. Diamo infatti a disposizione degli sposi circa 3 ore di tempo per l'espletamenteo della cerimonia, che è un tempo sufficiente a gestire tutte le fasi: dall'arrivo degli ospiti, al rito vero e proprio fino al servizio fotografico per il quale mettiamo a disposizione gli scenari del castello.

Vademecum per la cerimonia



   
Copyrights 2009-2017 Roma Est Gestioni s.r.l , Corso Italia 51 - 00010 Villalba di Guidonia (RM) -
P.IVA 09508181006 - REA:RM1167920 - Fax: 1782228193 - email: info@orsinicesi.it